Certificati Bianchi e cumulabilità con altri incentivi: i tempi da rispettare

Cumulabilità e tempistiche per il meccanismo dei certificati bianchi modificato dal D.M. 28 dicembre 2012.

Pubblicato su: www.nextville.it/approfondimenti/81.

Il D.M. 28 dicembre 2012 sui certificati bianchi ha modificato le regole sulla cumulabilità, adottando un approccio molto più restrittivo rispetto al passato, in analogia con quanto deciso per altri schemi di incentivazione (e.g. fonti rinnovabili e conto termico). I progetti presentati a partire dal 3 gennaio 2013, infatti, non sono più cumulabili con altri incentivi statali (e.g. tariffa onnicomprensiva, certificati verdi, conto termico, detrazioni fiscali), fatto salvo l’accesso ai fondi di garanzia e rotazione, ai contributi in conto interesse e alla detassazione del reddito di impresa per l’acquisto di macchinari e attrezzature.

Continue reading →

Il meccanismo dei certificati bianchi in dettaglio

La prima parte di una descrizione approfondita del meccanismo dei certificati bianchi predisposto per Legislazione Tecnica. L’articolo è stato chiuso prima dell’emanazione della bozza di quello che poi è diventato il D.M. 28 dicembre 2012, per cui si consiglia la lettura di quest’altro articolo al fine di prendere visione delle novità (in attesa della seconda parte).

Pubblicato su Quaderni di Legislazione Tecnica n. 4/2012.

Certificati bianchi: nuove regole

Pubblicato su: www.informatoreagrario.it/ita/Riviste/Infoagri/Index.asp.

I certificati bianchi sono il principale schema di promozione dell’efficienza energetica in termini di obiettivi nazionali e di risparmi cumulati. Lo schema è diverso da un classico incentivo in conto capitale o in conto energia per l’installazione di una tecnologia. La realizzazione di un intervento non dà infatti diritto a una somma di denaro, ma a un numero di certificati bianchi collegato al risparmio energetico associato al progetto realizzato. Questi possono essere venduti in un apposito mercato – e qui sta l’incentivo –, ma il prezzo può variare e dunque manca la certezza dei flussi di cassa che caratterizza ad esempio un conto energia. Continue reading →