Produttività energetica a Enermanagement

L’articolo sulla produttività energetica e le nuove frontiere dell’energy management pubblicata sulla prima pagina sulla newsletter FIRE di metà novembre. L’appuntamento per capire come evolvono le strategie dell’energy management e della sostenibilità al sostegno del core business è il 1 dicembre a Milano a Enermanagement, la conferenza annuale FIRE dove si parlerà di produttività energetica, diagnosi e sistemi di gestione dell’energia applicati, servizi energetici e applicazioni dell’IPMVP come protocollo di misura e verifica dei risparmi, e strumenti finanziari.

Pubblicato sulla newsletter FIRE n. 19 2015.

La conferenza COP21 di Parigi si avvicina con gli Stati Uniti che – come in passato e a causa del Congresso a maggioranza repubblicana, cieca di fronte ai dati e agli accadimenti – sembrano orientati a un accordo non cogente. Ciononostante, la maggior parte delle parti in causa ha ormai riconosciuto la necessità di puntare ai 2°C di contenimento della temperatura.

Anzi, il fatto che molte imprese leader di mercato abbiano perfettamente compreso la necessità (non solo l’importanza o la strategicità) di coniugare core business e sostenibilità lascia spazio a un moderato ottimismo.

La IEA, nella figura sottostante tratta dall’ETP 2015 report, mostra il contributo atteso per il settore industriale dall’efficienza energetica e dall’introduzione di processi innovativi nell’ottica della strategia dei 2°C (scenari 2DS).

Continue reading →

L’obbligo delle diagnosi energetiche

Una sintesi sull’obbligo quadriennale delle diagnosi energetiche per le grandi imprese e i consumatori energivori ai sensi del D.Lgs. 102/2014. Una diagnosi energetica ben fatta è uno strumento utile per un’impresa, che consente di ottenere benefici economici ben superiori ai costi affrontati e di intraprendere un cammino che passa per l’adozione di un sistema di gestione dell’energia e che porta a sfruttare quest’ultima come reale leva di competitività. Dopo l’adempimento dell’obbligo nel 2015, si avvicina la seconda scadenza nel 2019, per la quale è previsto un maggiore impiego dei sistemi di monitoraggio.

La direttiva sull’efficienza energetica, recepita con il D.Lgs. 102/2014 nel nostro ordinamento, promuove diversi strumenti volti a favorire l’adozione di misure virtuose in merito ai consumi energetici. Uno degli strumenti essenziali da questo punto di vista è la diagnosi energetica, ossia un rapporto stilato da un esperto che fotografi la situazione energetica dell’impresa in esame e indichi le soluzioni disponibili per risparmiare energia e contribuire a rendere la produzione di beni e servizi più efficiente e competitiva.

Continue reading →

Energy manager 2.0

vignetta_FIRE_energy manager

L’importanza dell’energy manager in collegamento al contrasto ai cambiamenti climatici, in ragione del contributo che la IEA attribuisce all’efficienza energetica in tale contesto, e l’evoluzione di tale figura per coniugare energia e core business.

Pubblicato su: e7.

L’efficienza energetica è un pilastro delle azione rivolta alla lotta ai cambiamenti climatici che a breve vedrà il fondamentale appuntamento della COP21 a Parigi, dove, senza esagerare, si deciderà il futuro del nostro pianeta. Come evidenziato dal recente rapporto della IEA “Energy efficiency market report 2015”, l’efficienza energetica ha contribuito con oltre 10,2 GtCO2 cumulative dal 1990 al 2014, di cui 0,8 GtCO2 nel 2014, a fronte di un livello di emissione globale nello stesso anno di 11,6 GtCO2. La IEA ipotizza che l’efficienza energetica, con oltre il 40%, dia il principale contributo alla riduzione delle emissioni necessarie per limitare l’incremento di temperatura nel 2050 a 2°C.

Continue reading →

Forum degli energy manager

Il ruolo dell’energy manager è fondamentale nell’ottica della lotta ai cambiamenti climatici che avrà a breve nella COP21 di Parigi un appuntamento fondamentale. Nella presentazione di introduzione al Forum degli energy manager organizzato da FIRE in collaborazione con Fiera Verona a Smart Energy Expo illustro l’evoluzione del ruolo della figura, che dovrà saper coniugare sempre più energia e core business per incidere efficacemente sulle scelte aziendali.

Atti del convegno disponibili da lunedì prossimo su www.fire-italia.org.

Diagnosi energetiche: la scadenza dell’obbligo si avvicina

Il MiSE ha pubblicato il 14 ottobre alcune faq sul tema delle diagnosi energetiche obbligatorie per le grandi imprese e gli energivori. Nell’articolo si illustrano sinteticamente i contenuti del documento.

Pubblicato su: www.quotidianoenergia.it.

Il prossimo 5 dicembre scade il termine per le “grandi imprese” – ossia i soggetti che non rientrano fra le PMI in base alla definizione comunitaria – e le imprese a forte consumo di energia elettrica per realizzare le diagnosi energetiche previste obbligatoriamente dal D.Lgs. 102/2014 di recepimento della direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica. Rimane dunque poco tempo per adempiere un obbligo che prevede multe da 4.000 a 40.000 euro per gli inadempienti (replicabili in caso di mancato adempimento nei sei mesi successivi).

Continue reading →