Considerazioni sul 25 aprile

Bandiere sul Quirinale Dario Di Santo

Non so come la vediate voi, ma penso che una democrazia possa funzionare solo se c’è una visione di fondo condivisa, un insieme di valori in cui ci si ritrova, un senso di appartenenza a una cultura. Perché solo in questo caso si può essere disposti a sacrificare qualcosa, ossia a mettere amore nell’impresa, per il beneficio di tutti. Quell’amore che fa sì che il risultato, qualunque sia, ci appartenga in qualche modo e ci unisca ancora di più alla società.

Se questo si perde, si finisce per non essere più in grado di trovare soluzioni ai problemi che emergono dalle numerose differenze che esistono fra le persone. Nemmeno a quelle facili. 

E così si crea un ambiente fondamentalmente diviso, che getta i semi del contrasto sociale e, se le cose sfuggono di mano, di quei regimi dittatoriali che la giornata di oggi vorrebbe allontanare dall’orizzonte. 

Il 25 aprile è una festa importante, in quanto rappresenta la liberazione da una dittatura e da tutte le violenze, sofferenze e grandi danni da questa causati alla popolazione e alla società. 

La questione a mio avviso è: ma noi ci teniamo alla democrazia e alla libertà che ci offre? Se sì, cosa siamo disposti a concedere e a offrire agli altri per il benessere di tutti? In cosa siamo al servizio della società? Quanto amore vogliamo infondere nel processo di costruzione?

Non dipende dagli altri, dipende in primo luogo da noi.

Buona Pasqua!

Colomba pasquale dariodisanto.com

Buona Pasqua a tutti voi!

Questa volta condivido trenta secondi di natura.

All’inizio sembra esserci solo il fastidio del microfono esposto al vento. Ma a lasciarsi ondeggiare con gli olivi ci si accorge che c’è tanta ricchezza intorno a noi.
Il vento non si può fermare. E può fare male. Ma in ogni sua folata ci sono sprazzi di rinnovamento e di resurrezione.
Vi auguro di saperli cogliere 🙂!

P.S. se poi sentite solo il rumore va bene uguale. C’è sempre una grigliata di pasquetta che ci aspetta… 😉

P.P.S. Prima o poi riprenderò a condividere le mie attività energetiche. Negli ultimi mesi non ho avuto tempo. Del resto molte attività le potete vedere sui canali della FIRE…

Buon Natale!

Buon Natale da FIRE

(English version follows)

And so this is Christmas, and what have you done?
Another year over, and a new one just begun

Ci sono anni in cui non tutto gira per il verso giusto, specie quelli in cui gli oroscopi avevano predetto che sarebbe stato l’anno fortunato per il tuo segno… 😅

Anni in cui…
… perdiamo persone a noi vicine o vediamo raffreddarsi i rapporti con persone a cui teniamo
… abbiamo paura perché il mondo intorno a noi parla di violenza, di incertezza, di decadenza senza posa
… perdiamo fiducia negli altri perché subiamo un torto da qualcuno di cui ci fidavamo
… ci sentiamo continuamente tirati sott’acqua, per quanta energia mettiamo nelle nostre imprese, e a prescindere dai risultati
… vediamo nostri cari stare male, incapaci di sprigionare l’energia e l’amore che hanno dentro
… non riusciamo a vedere la luce in fondo al tunnel
… siamo appesantiti, ci sentiamo soli e ci duole il cuore anche fisicamente
… non riusciamo ad essere chi siamo veramente, a prescindere che sia una scelta o che ci impegniamo per realizzarci

Continue reading →

Papaveri, consenso e 2 giugno

papavero (c) Dario Di Santo

Mentre andavo ieri in ufficio mi sono goduto famiglie di papaveri emergere sopra un campo di grano. La natura sa trovare modi molto eleganti e rispettosi per consentire ai vari esseri di trovare il proprio spazio vitale.
Anche noi uomini sappiamo farlo, talvolta anche meglio. Peccato che negli ultimi anni esercitiamo raramente quest’arte, troppo presi da pregiudizi, narcisismo e voglia di sopraffazione. Troppo tesi alla ricerca di consenso.
Ma chi l’ha detto che dobbiamo vivere per cercare il consenso? Perché non portare avanti ciò in cui crediamo e che sappiamo essere giusto, anche se costa fatica? Perché non provare ad ascoltare chi abbiamo di fronte e a trovare soluzioni condivise? E perché scrivere solo post e articoli corti perché la gente non legge? Dove andiamo così di fretta e cosa speriamo di ottenere?
Certo non produttività. Certo non relazioni. Certo non pienezza.
Abbiamo una repubblica, abbiamo libertà, abbiamo tanti modi per sfruttare al meglio entrambe. Auguro a tutti noi di riuscire a investire energie nel riuscirci!
Buona Festa della Repubblica!