Efficienza e desmosedici

oldscrambler

Si è parlato di opportunità legate a un migliore uso dell’energia e delle altre risorse a Borgo Panigale nell’ambito di un convegno CPL organizzato presso la Ducati. L’occasione è servita per mostrare con esempi come la gestione ottimale delle risorse può contribuire a ridefinire il proprio business nell’ottica dell’accordo di Parigi sul clima. E, gradito valore aggiunto, a visitare la fabbrica e il museo della nota casa motociclistica, apprezzandone lo sviluppo storico. In omaggio a questo il titolo, riferito ai bolidi recenti, e l’immagine di copertina, dedicata alla Scrambler originale, una moto dal design ancor’oggi affascinante.

Continue reading →

EPC e linee guida Eurostat

sfondoconferenzaepc

Come promesso ritorno brevemente sul tema dei contratti EPC e di quanto previsto dalle linee guida Eurostat pubblicate nel 2015, vista l’importanza del tema, che sarà tra l’altro al centro della conferenza FIRE Contratti EPC per la riqualificazione energetica degli edifici e dei processi industriali, in programma il 6 ottobre a Bologna.

Come evidenziato nell’articolo pubblicato prima dell’estate, le linee guida Eurostat rendono l’approccio ai contratti di performance piuttosto problematico, in particolare per la necessità di raggiungere un costo dell’investimento superiore alla metà del valore degli immobili riqualificati. Anche in risposta a qualche domanda ricevuta, e dopo alcuni scambi di opinioni, è utile fare qualche precisazione sintetica.

Continue reading →

L’efficienza non va in vacanza

ciabatte

L’articolo uscito su Canale Energia prima della pausa di agosto (da cui lo strano titolo dell’articolo, che può suonare strano essendo ormai lontane spiagge, montagne e città d’arte…), in cui faccio il punto sulle nomine degli energy manager in questi primi mesi del 2016 e sulle potenzialità della certificazione ISO 50001. Non manca uno sguardo al futuro con l’osservatorio degli energy manager che la FIRE sta avviando in accordo con il Ministero dello sviluppo economico.

Pubblicato su: canaleenergia.

La nuova piattaforma sugli energy manager e i dati sulle nomine 2016

Come previsto dalla Circolare del MiSE 18 dicembre 2014, la FIRE ha finalmente potuto informatizzare completamente la procedura di nomina, creando la piattaforma web NEMO (nomina energy manager on-line). Ciò è stato possibile grazie a un nostro investimento (ricordo che l’attività della FIRE non è retribuita) che confidiamo darà benefici negli anni sia ai soggetti nominanti, per i quali si ridurrà la possibilità di errori e sarà possibile recuperare nomine passate in modo autonomo, sia a FIRE, che finalmente potrà dedicare più tempo ad attività di supporto degli energy manager, riducendosi le attività amministrative legate alla gestione dei dati.

Continue reading →

White certificate in industry

2016eceeepaper

The presentation and the peer-reviewed paper presented at the ECEEE conference in Berlin. It summarizes the situation in terms of targets, outcomes, and market and introduces the main points behind the new scheme guidelines that should be published by the end of the year.

Paper and presentation available.

Continue reading →

Valvole termostatiche e consumi energetici: analisi FIRE

studiovalvoletermostatiche

Ricordando che è obbligatorio installare ripartitori di calore e valvole termostatiche nei condomini entro il 31 dicembre di quest’anno in accordo con il D.Lgs. 102/2014, può essere utile cercare di rispondere alla domanda: ma si risparmia? A tal fine la FIRE, su incarico ENEA nell’ambito della Ricerca di sistema elettrico e con la collaborazione di FIPER, ha prodotto uno studio basato sui consumi monitorati su alcuni edifici collegati a reti di teleriscaldamento. Ciò ha consentito di verificarne l’andamento dei risparmi energetici nel tempo e in relazione alle riduzioni dell’energia trasportata nelle reti e all’andamento climatico. Il risultato è nella maggior parte dei casi positivo, ma non mancano le eccezioni, che dimostrano che la tecnologia da sola non basta: servono una corretta regolazione e gestione degli impianti e un’adeguata informazione agli occupanti.

Lo studio si è svolto in un momento piuttosto critico per le conoscenze sul comportamento termico degli edifici italiani: da una parte l’avvio dell’applicazione del D.Lgs. 102/14 porterà ad un miglioramento progressivo delle prestazioni degli edifici e delle modalità gestionali degli stessi, dall’altra il ripetersi in serie di inverni molto caldi sta nel frattempo dando luogo a rilevanti riduzioni dei consumi stessi. Per effetto di queste due evoluzioni tutto il quadro dei consumi energetici è in forte mutamento. Nel 2014 i consumi del settore civile sono diminuiti del 10,7% rispetto all’anno precedente.

Continue reading →